Contenuto principale

World social work day, il 2017 è l’anno di Padova
Il 21 marzo il Bo ospita l’evento veneto sul Servizio Sociale
Promuovere la comunità e la sostenibilità ambientale

L’appuntamento di martedì prossimo presenterà alcune esperienze modello di integrazione tra il lavoro degli assistenti sociali veneti e l’opera di cooperative e associazioni, tra sostegno dei soggetti deboli e cura del territorio. In programma anche il racconto del sostegno sociale nell’emergenza, partendo dal caso del terremoto a Norcia.

Padova 17 marzo 2017 – Nel 2015 Verona, nel 2016 Venezia. E in questo 2017 tocca a Padova. La città del Santo ospiterà il prossimo martedì 21 marzo 2017 l’evento veneto del World Social Work Day o Giornata mondiale del Servizio sociale che celebra e racconta, ogni anno, il servizio sociale in tutto il mondo. Il tema è Promuovere la Comunità e la sostenibilità ambientale: a Padova, l’appuntamento, organizzato dall’Ordine degli Assistenti Sociali del Veneto in collaborazione le Università di Padova, Verona e Venezia Ca’ Foscari, è al Palazzo del Bo dalle 9 di mattina.

Ad aprire i lavori saranno il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Padova Rosario Rizzuto, il senatore Giampiero Dalla Zuanna, il dirigente dell’Area socio-educativa e Servizi sociali della Città di Padova Ferdinando Schiavon, il direttore generale dell’Aulss 6 Euganea Domenico Scibetta insieme alla presidente dell’Ordine veneto Monica Quanilli. Le sessioni principali sono affidate al videomessaggio di Alessandro Sicora, presidente di Società italiana di Servizio sociale, all’intervento Il ruolo delle comunità locali nei sistemi alimentari sostenibili di Andrea Calori (ESTà Associazione Economia e Sostenibilità) e alla relazione su Servizio Sociale per la comunità e innovazione di Paola Cermelli (Università di Genova).

Ma in programma ci sono anche diverse testimonianze su casi ed esperienze di eccellenza dell’area veneta e non solo: dal Progetto ABC (Amministratore di Benessere di Comunità) di Azalea Cooperativa Sociale all’esperienza su Promuovere la sostenibilità della città e della professione degli studenti padovani, dal caso della cooperativa sociale agricola Caresà, alla testimonianza degli studenti veronesi e veneziani, fino al racconto della scommessa del Villaggio Solidale di Mirano. Di particolare interesse anche gli interventi delle assistenti sociali Daniela Camelia (Comune di Norcia) e Anna Zannoni (in rappresentanza di ASProC Assistenti Sociali Protezione Civile) sul ruolo del servizio sociale nelle calamità naturali e nelle emergenze.

In Italia saranno oltre 10mila gli assistenti sociali coinvolti in decine di iniziative. “Quello che mi sembra importante sottolineare – ha commentato Gianmario Gazzi, presidente nazionale dell’Ordine degli Assistenti sociali – è come il titolo della Giornata “Promuovere la comunità e la sostenibilità ambientale” sia stato declinato con una ricchezza di interpretazioni e di sfumature che mostra – una volta di più – quanto la nostra professione spazi davvero su tutto l’universo legato al benessere e quindi ai diritti umani, declinandoli in particolare su quelli sociali: ambiente, lavoro, migranti, comunità solidali, ricostruzione, infanzia, responsabilità, inclusione sociale, professioni in rete, carceri, solo per citarne alcuni”.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (CS06_WSWD17_ANNUNCIO_OK.pdf)CS06_WSWD17_ANNUNCIO_OK.pdfprimo comunicato stampa wswd2017121 kB